Servizi di pre-consulenza
Servizio di pre-consulenza Lo SCENARIO GENERALE e lo SCENARIO OPERATIVO dei nuovi INTERMEDIARI FINANZIARI e ISTITUTI
A. SCENARIO GENERALE
B. SCENARIO OPERATIVO
La normativa primaria e la normativa secondaria di settore (disposizioni applicative Bankitalia) degli Intermediari Finanziari ed Istituti
Simulazione dell’impatto economico - finanziario - organizzativo, e del processo di migrazione ai nuovi Intermediari Finanziari ed Istituti






Gli elementi significativi del Progetto costitutivo degli Intermediari Finanziari e Istituti
La pre-consulenza applicata ha lo scopo di individuare e applicare le nuove disposizioni di vigilanza al concreto caso specifico, al fine di definire
gli elementi significativi del Progetto degli Intermediari Finanziari e Istituti
1
L’individuazione effettiva dell’assetto proprietario che va soggettato a ‘‘verifica autorizzativa’’ sia per i soggetti che partecipano direttamente che per quelli che partecipano indirettamente.
2
Valutazione delle nuove attività che puossono svolgere gli intermediari finanziari e gli Istituti e la connessa sostenibilità della struttura con esame delle attività specifiche e strumentali.
3
La definizione e individuazione dell’organo strategico, organo di gestione degli intermediari finanziari e gli Istituti: le funzioni, compiti e poteri - La bozza dell’organigramma e del funzionigramma compatibile con le disposizioni applicative agli intermediari finanziari e gli Istituti - La definizione del sistema delle deleghe coerente con le attività e la struttura organizzativa.
4
La verifica dei requisiti di onorabilità, reputazione e solidità finanziaria dei soci. La verifica dei requisiti di onorabilità professionalità e indipendenza degli esponenti aziendali con l’individuazione dei requisiti e le modalità di accertamento.
5
La composizione del capitale versato iniziale con le modalità di formazione e versamento e le disposizioni specifiche connesse – La definizione delle partecipazioni detenibili in base al patrimonio di vigilanza con definizione dell’eventuale perimetro del gruppo finanziario e  le valutazioni connesse.
6
La simulazione del patrimonio di vigilanza con il nuovo capitale sociale versato e le  poste di bilancio interessate. La determinazione del collegato requisito patrimoniale determinabile in base alle tipologie e volume dell’attività.
7
Modalità di determinazione dell’ICAAP (2° pilastro di Basilea 2) e dell’informativa da  rendere al pubblico.
8
Definizione dell’organizzazione amministrativa e contabile compatibile con la nuova struttura degli Intermediari Finanziari e gli Istituti.
9
La definizione del sistema dei Controlli Interni con l’individuazione delle funzioni di primo livello, secondo livello e terzo livello previste dalle disposizioni di vigilanza, compatibile con le dimensioni aziendali e le attività svolte - Valutazione del modello di assunzione dei rischi come previsto dalle disposizioni di vigilanza.
10
Il presidio antiriciclaggio e la rete distributiva: l’organizzazione e le responsabilità  effettive degli Intermediari Finanziari e gli Istituti.
11
La redazione delle segnalazioni di vigilanza Puma 2 e delle segnalazioni in centrale rischi con analisi delle esenzioni. Valutazione dell’esternalizzazione del servizio a centri dedicati.
12
Definizione dell’impatto dei nuovi principi contabili: le informazioni richieste alla struttura contabile – amministrativa attuale. Il bilancio IAS/ IFRS.

E' POSSIBILE SCARICARE IL DOCUMENTO DI PRE-CONSULENZA IN

CONTATTI PER INFORMAZIONI



 

SERVIZI & ATTIVITA'
CONSULENZA & ASSISTENZA - Analisi, interpretazione ed applicazione della nuova normativa primaria e secondaria di settore.....leggi
PRECONSULENZA Lo scenario generale e operativo degli Istituti di pagamento, Istituti di moneta elettronica e intermediari finanziari - Mediatori Creditizi e Confidi Minori.....leggi
ATTIVITA' PER FUNZIONE - Attività di Compliance - Antiricilaggio - Funzione dei rischi - Internal Audit.....leggi
COLLABORAZIONI PROFESSIONALI E PARTERSHIP - La collaborazione professionale / partnership concerne: analisi degli adempimenti, assistenza e consulenza alla costituzione/trasformazione a nuovo intermediario / istituto.....leggi
M&A AZIENDA- Le ragioni che muovono l'acquisto e/o la cessione (di partecipazioni) di una società 106 T.U.B., come di altre società, sono riconducibili a.....leggi
SOCIAL LENDING - (peer-to-peer lending o p2p lending) Canale di finanziamento alternativo - Le disposizioni regolamentari.....leggi 
NEWSLETTER periodica - Iscrizione gratuita - Trasmissione periodica di informazioni sulle Attività.....leggi
STRUTTURE OPERATIVE DELLA DLVA-FIDES CONSULTING S.R.L.
106tub.eu
Sistema 106 T.U.B. Organizzazione,Gestione e Controllo degli Intermediari Finanziari - Antiriciclaggio: assetto organizzativo e presidio antiriciclaggio.
imel-emd.eu
Istituti di moneta elettronica Il quadro normativo degli Istituti di moneta elettronica - Aree operative - Progetto IMEL sostenibile che garantisce la sana e prudente gestione e il regolare funzionamento dei pagamenti.
servizidipagamento.eu
Servizi di pagamento per Istituti di pagamento - Costituzione Organizzazione e Controllo Idegli Istituti di Pagamento. Variazioni all'albo con relative statistiche degli istituti di pagamento.
mediatori-creditizi.eu
Mediatori creditizi Il quadro normativo del mediatore creditizio - L'identità e l'operatività del Mediatore creditizio.
confidi112tub.eu
I Confidi minori Dall'iscrizione ex art. 155 comma 4 all'elenco 112 bis TUB - Confidi - Consorzi e Cooperative di garanzia collettiva fidi.
 
2014 2019 Copyright | Società di consulenza finanziaria | Privacy | Disclaimer | Codice etico|DLVA FIDES CONSULTING S.R.L|